venerdì 21 aprile 2017

VI DIMOSTRIAMO IL TEOREMA DI PITAGORA.... CON L'ACQUA!!!

Lo sapevate che è possibile provare la validità del teorema di Pitagora usando l'acqua?
Due alunni della scuola media classe 2C  ci sono riusciti!
La docente di matematica, prof.ssa Monica Rega che ha assegnato loro questo compito, ha deciso di condividere e premiare con orgoglio e soddisfazione i risultati ottenuti dai due studenti. 
Si tratta di Eliano Quaranta e Simone Palma, i quali hanno realizzato un modellino davvero ingegnoso per illustrare ai prof e ai loro compagni di classe il più celebre dei risultati nella storia della Matematica.                      

Il teorema di Pitagora afferma che: "In ogni triangolo rettangolo, il quadrato costruito sull'ipotenusa è equivalente alla somma dei quadrati costruiti sui due cateti". 

Gli alunni hanno utilizzato un base di legno ritagliata per formare i quadrati e dei listelli in pvc per fare il contorno. Hanno rivestito il tutto con del plexiglass, decorando con carta adesiva colorata le parti in cui non vi era l'acqua. Per inserire l'acqua hanno praticato un foro su uno dei quadrati, poi richiuso per impedirne la fuoriuscita. Al fine di rendere più visibile l'esperimento, si sono serviti di un colorante alimentare verde mescolato all'acqua in modo da conferirle il suddetto colore. Infine hanno utilizzato come misure dei cateti 15 cm e 20 cm e di conseguenza come misura dell'ipotenusa 25 cm, verificando così  che la somma delle aree dei quadrati costruiti sui cateti  152 + 202 = 225 + 400 = 625 = 252 fosse equivalente proprio alla misura dell'area del quadrato costruito sull'ipotenusa. 
Il prodotto finale è stato preciso ed elegante e ha raccolto numerosi consensi, anche tra gli  studenti delle altre classi medie, oltre che tra i docenti e la direzione. E' stato pertanto concordato di conservare questo modellino nel laboratorio di scienze, assieme agli altri elaborati realizzati con particolare cura ed attenzione dai migliori allievi del nostro Istituto. 
                                                                                                                                             Prof.ssa Monica Rega

martedì 11 aprile 2017

Festa del KILO



Anche quest’anno la Festa del Kilo ha fatto da padrona nei cortili della nostra Scuola dove ha visto protagonisti  tutti i  bambini della Primaria  uniti in “ giochi di squadra” e “canti”  e con i volti felici del loro alto gesto di solidarietà verso altri bambini . Eh si ai nostri piccoli  studenti è stato proposto  un gesto semplice ma significativo che si ripete negli anni: portare a scuola  in un posto di raccolta predisposto  generi alimentari (pomodori, legumi, tonno, biscotti, pasta, riso,olio in lattina, ecc), da regalare alle famiglie in difficoltà economiche. Fondamentale  è , per noi tutti, promuovere, tra i bambini e i giovani in età scolare, la cultura del dono, della solidarietà e del volontariato, intesi come atteggiamenti responsabili nei confronti di problematiche attuali. Il tutto si è meravigliosamente  concretizzato  con la raccolta di “tantissimi  alimenti” grazie alla generosità dei nostri alunni e ovviamente dei loro genitori. Il Direttore della Caritas e i volontari dell’associazione hanno ritirato quanto raccolto  e quanto prima  li distribuiranno alle famiglie disagiate per permettere loro di trascorrere una serena e gioiosa  Pasqua.
E prima di gustare questo meraviglioso e significativo video Auguriamo a tutti i nostri alunni e genitori una felice Pasqua.

                                                                                                          La Direttrice e gli Educatori

lunedì 3 aprile 2017

Un Tuffo nella Storia......


Gli alunni delle classi Terze della Scuola Primaria hanno partecipato ad un meraviglioso viaggio nel tempo per entrare a far parte di un villaggio preistorico nel quale hanno potuto scoprire usi e costumi dei primi insediamenti umani. Hanno visitato un vero e proprio  " Villaggio Neolitico "  sito a Pollena Trocchia ed hanno potuto constatare con i propri occhi ciò che hanno letto e studiato sui libri scolastici. 
Grazie all'ausilio di “esperti”  i nostri piccoli  esploratori   hanno approfondito interessanti aspetti legati ai primi uomini che popolarono la terra ; infatti hanno anche  assistito  all'accensione del fuoco attraverso la tecnica  usata dall'Homo Sapiens. Increduli, meravigliati, affascinati hanno trascorso una magnifica giornata all'aria aperta alternando momenti di studio attraverso laboratori e produzione di "manufatti del tempo che fu"  e momenti di relax  con i loro insegnanti e compagni di classe.
                                                                                                                                                         La Direttrice
  


martedì 21 marzo 2017

Libera 21 marzo Giornata della memoria


qui LE FOTO

tratto da La Repubblica
Trentamila studenti da tutta la Campania. In testa i ragazzi della media-elementare "Eduardo De Filippo" e delle scuole del Lotto-O. Un corteo coloratissimo da via Argine fino a via Mario Palermo nel cuore del rione Conocal di Ponticelli, bunker del clan D'Amico, che l'associazione Libera e la fondazione Polis hanno scelto per celebrare la Giornata in memoria delle vittime innocenti delle mafie. Tra i primi ad arrivare Rosetta D'Amelio, presidente del Consiglio regionale, Fabio Giuliani, Geppino Fiorenza e don Tonino Palmese di Libera: "La lotta alle mafie è un movimento che esiste e che destabilizza i clan. Abbiamo bisogno dell'innocenza dei bambini per costruire ponti e della loro intelligenza per saper chiamare per nome il male che ci offende".
Sul palco il procuratore generale Luigi Riello, il presidente della Fondazione Castel Capuano, Antonio Buonajuto, il capo della Procura per i minorenni, Maria de Luzenberger, il prefetto Carmela Pagano, il questore Antonio De Jesu, il comandante provinciale dei carabinierl Ubaldo De Monaco, il presidente distrettuale dell'associazione magistrati Pierpaolo Filippelli, il presidente del coordinamento dei familiari delle vittime innocenti di camorra, Alfredo Avella, che ha iniziato la lettura dei 944 nomi.

dai nostri alunni
Che dire un'esperienza unica, costruttiva, ma anche faticosa... ci siamo divertiti e nel nostro divertirci abbiamo anche ricordato, quelle persone innocenti.
Perche questa è la parola chiave RICORDARE, perché solo ricordando possiamo ridare vita a queste vittime... altrimenti loro moriranno due volte. Bellissima giornata, formativa, divertente...

domenica 12 marzo 2017

Incontro Fratelli Laici, Roma 4-5 Marzo


E’ trascorsa solo una settimana dall’incontro di domenica scorsa a Roma presso la case Generalizia dei Fratelli Maristi dove laici e fratelli, provenienti dalle varie realtà mariste d’Italia, si sono riuniti per guardare insieme al futuro. Una due giorni scandita dallo stare insieme allo stile semplice e fraterno, ricca di riflessioni e spunti che allargano i nostri piccoli orizzonti. 

Grazie a fr Emili Turù, superiore generale, che ci ha accolti e attraverso il suo intervento ci ha incoraggiati a realizzare insieme un futuro che veda il carisma marista custodito e rivitalizzato anche dai laici. Un laicato da custodire, da curare e far crescere e che abbia radici solide nella preghiera, nell’interiorità, nella spiritualità basi per crescere insieme e sognare ancora altri 200 anni e più. 

Laici e fratelli chiamati ad incarnare, nella specificità della propria scelta di vita, la realtà de La Vallà: dalle fondamenta dell’interiorità, alla comunione fraterna, alla missione avendo lo sguardo rivolto a Dio. Grazie, Perdono, Impegno le tre parole chiavi che hanno scandito gli incontri e le dinamiche e che segnano la vita di ognuno di Noi: rendere grazie è un’attitudine, è riconoscere innanzitutto la Vita e ciò che essa ci offre come Dono; chiedere perdono, accogliere il perdono e perdonare è un continuo cammino di guarigione; l’impegno ha a che fare con la missione, con il mettersi in gioco sporcandosi le mani… 
L’entusiasmo, la gioia, la condivisione, il momento della festa fanno da corollario a tutto ciò e sottolineano come sia bello rincontrarsi, rivedersi, ritrovarsi e sapersi non soli ma accompagnati da fratelli e sorelle in questa meravigliosa avventura che è la vita.


IL SOGNO DI MARCELLINO VIVE in NOI




giovedì 9 marzo 2017

CONOSCERE PER PREVENIRE: I DISTURBI DELLA SALUTE


Gli studenti della 2C sono stati protagonisti di una lezione multimediale sui disturbi della salute gestita secondo la metodologia del cooperative learning. 

Gli allievi sono stati suddivisi in 6 gruppi eterogenei che a coppie hanno collaborato nella realizzazione di un elaborato finale su una tematica in particolare effettuando ricerche con pc e tablet e selezionando le informazioni rilevanti da trascrivere e schematizzare su un cartellone.  Gli argomenti trattati sono stati: 
droghe - alcool - fumo. 
Il docente di scienze, prof.ssa Monica Rega, ha sottolineato l'urgenza di discutere di queste tematiche sempre più attuali e diffuse tra i giovani, per trasmettere agli studenti l'importanza dell'informazione e della conoscenza ai fini della prevenzione. 
Infatti se ci pensiamo, la maggior parte dei decessi (per incidenti, omicidi o suicidi) tra i giovani di età compresa tra 15 e 24 anni è causata dall'abuso di alcol, di fumo o di droghe. Spesso la curiosità, la propensione per il rischio e le pressioni sociali inducono l'adolescente ad assumerli, per cui ciò che si deve e si può prevenire è il coinvolgimento nell'uso di tali sostanze, soprattutto quello precoce, fornendo ai giovani l'opportunità di trovare risposte più valide ai loro problemi.
Tale consapevolezza è un punto di partenza fondamentale per educare e far riflettere i nostri ragazzi .
Gli stessi alunni si sono lasciati coinvolgere pienamente dalla lezione, partecipando attivamente sia alla fase di ricerca che di organizzazione delle informazioni e mostrando grande abilità di coordinazione nel gruppo.

Prof.ssa Monica Rega

lunedì 6 marzo 2017

LABORATORIO DI FISICA SULLA PRESSIONE

Gli alunni della classe 3C, con il supporto della docente di scienze, prof.ssa Monica Rega, hanno affrontato lo studio della pressione in fisica con una metodologia didattica ormai consolidata nel nostro Istituto, ma sempre in costante aggiornamento, il COOPERATIVE LEARNING.
Si tratta di un apprendimento cooperativo che avviene in gruppo e che vede lo studente protagonista del proprio processo di costruzione della conoscenza al fine di renderlo consapevole del suo processo formativo.
Le attività si sono svolte nel laboratorio di scienze dove gli alunni sono stati suddivisi in gruppi eterogenei.  Siamo partiti dalle conoscenze pregresse sul concetto di  pressione e le abbiamo successivamente raggruppate in una mappa concettuale con struttura gerarchico-associativa. Abbiamo poi discusso circa l'osservazione di alcuni fenomeni naturali tentando di darne una spiegazione esaustiva.
In tal senso, i ragazzi hanno svolto diversi esperimenti sulla pressione, sia nei liquidi che con i gas, per verificarle le ipotesi avanzate nella fase precedente e provare la spinta di Archimede.
Gli studenti hanno dimostrato un alto grado di interesse e partecipazione in merito alle attività proposte e hanno avuto occasione di confrontarsi e lavorare attivamente e in sinergia con i propri compagni.
E' stata un'esperienza significativa e formativa che ha fornito interessanti spunti di riflessione.
Dipartimento di Matematica e Scienze

giovedì 23 febbraio 2017

Il liceo incontra una scuola americana: The Montfort Academy




"Ben presto è nata in me una diffidenza verso i confini e un amore profondo, spesso appassionato, per quei beni umani che per loro natura stanno al di là dei confini. Col passare degli anni mi sono sentito ineluttabilmente spinto ad apprezzare maggiormente ciò che unisce uomini e nazioni piuttosto che ciò che li divide."  (Hermann Hesse)

In un mondo sempre più globale, eppure sempre più saturo di uomini che predicano la diffidenza piuttosto che l'amore, è nostro dovere abbattere muri e confini e trasformare questo mondo di pochi in un mondo di tutti; accettare nella nostra vita il prossimo come un fratello, piuttosto che come un nemico, senza distinzione di colore, razza, religione, idee e orientamenti.
Ma il primo passo per combattere l'odio è conoscere l’altro, per capire, per accettare, per accogliere.
Gli alunni del liceo dei dell’Istituto Maristi, il 16 Febbraio 2017, conoscono i loro fratelli della Montfort Academy di New York, scuola cattolica americana, accompagnati dal professor Nicola di Fiore, ex alunno dei Fratelli Maristi di Giugliano e professore di italiano all'accademia.
In un incontro di amichevole conoscenza, i nostri giovani liceali hanno avuto l'opportunità di confrontarsi con coetanei provenienti da migliaia di chiilometri di distanza, scoprendo come i confini, gli oceani, i continenti, non ci rendono diversi in alcun modo. Così tra una chiacchierata sul fantacalcio e il fantafootball, consigli su cosa mangiare e cosa visitare, strette di mano e abbracci, da quasi completi sconosciuti, senza alcuno sforzo e quasi senza rendersene conto, un piccolo gruppo di ragazzi di lingue e culture diverse ha cancellato le distanze e alla fine del giorno non era  più un gruppo di  italiani e uno di americani, ma Joe, Antonio, Mark, Connor, Vincenzo, Adelaide, Stephen e molti altri, che si scambia contatti e scopre qualcosa in più di una società apparentemente così diversa, eppure così simile alla loro.
Dopo un momento di preghiera in cui è stato recitato l'Ave Maria in inglese e in italiano, un tour della scuola e un momento di svago e conversazione tra i ragazzi, i presidi delle due scuole si sono scambiati magliette, felpe, penne dei reciproci istituti, per terminare, infine, con un buffet che ha coinvolto tutti i ragazzi.
Una scuola che insegna a abbattere muri piuttosto che a costruirne è una scuola che prepara i suoi studenti non solo da un punto di vista specificatamente didattico, ma spirituale e umano e per questo non possiamo che essere grati al nostro istituto che cerca di rendere il mondo un posto migliore, più unito e pieno d'amore.


Vincenzo Vassallo
Quinto Liceo

giovedì 16 febbraio 2017

IL MODELLINO CUORE - POMPA

Gli alunni della 2C, con l'aiuto del docente di scienze, la prof.ssa Rega Monica, sono stati impegnati in un'attività di COOPERATIVE LEARNING avente come obiettivo la realizzazione di un modellino del cuore che riproducesse il suo funzionamento a pompa. 
Le attività si sono tenute nel laboratorio di scienze durante le ore curriculari e sono state precedute da una fase iniziale di brainstorming sul cuore. Alla lezione frontale sullo studio della struttura e delle funzioni del cuore si è preferito adottare un approccio laboratoriale volto alla sperimentazione attiva e alla costruzione della conoscenza da parte dello studente stesso.
Gli alunni hanno collaborato insieme, aiutandosi nella realizzazione del modellino richiesto, seguendo le indicazioni del docente circa il materiale da utilizzare . 
Hanno portato a termine il lavoro richiesto con  entusiasmo e meticolosità e hanno svolto una scheda di verifica per riassumere i concetti studiati. 
L'alto grado di partecipazione e il livello di soddisfazione degli studenti confermano i benefici derivanti dall'utilizzo sempre più diffuso di queste metodologie didattiche.

Dipartimento di Matematica e Scienze 


domenica 12 febbraio 2017

Bicentenario Marista il sogno continua


1817 - 2017. Duecento anni di storia e come non sentirli! Dal 1931 a Giugliano in Campania cercando di dare il nostro contributo nella formazione e nell'educazione delle nuove generazioni!Cerchiamo di educare i giovani affinchè possano diventare "buoni cristiani e onesti cittadini"! Questo video è un dono per tutti coloro che negli anni si sono succeduti nei nostri cortili e nelle nostre classi. Grazie

giovedì 9 febbraio 2017

SETTIMANA VOCAZIONALE - Testimonianze di alcuni papà


Scoprire la propria vocazione è la sfida più bella e l'impegno più grande che come scuola vogliamo prenderci. Trasmettere contenuti e insegnare discipline ma anche appassionare e stupire perchè il futuro si costruisce sopratutto sognando e credendo che i sogni si possano realizzare.
Un Grazie a quattro nostri papà che hanno accettato la sfida di venire in classe e raccontarsi e a raccontare il proprio lavoro. 
Una bella mattinata trascorsa con le 4 e 5 elementari ... anche questo succede dai Maristi

lunedì 6 febbraio 2017

Divina Commedia 2mA


QUI LE FOTO

Noi alunni della 2 A ci siamo cimentati in un progetto davvero interessante : Studiando Dante, in cui il famoso poeta, spesso odiato dagli scolari per la difficoltà della Divina Commedia, viene affrontato in modo più leggero ma non meno approfondito, riuscendo a suscitare l’interesse di tutta la classe. Il progetto è diviso in tre fasi: la prima è il cooperative learning, la seconda è la flipped classroom (dall’inglese classe capovolta), e l’ultima è la drammatizzazione attraverso l’interpretazione dei diversi personaggi citati nel capolavoro dantesco. Durante la prima fase di lavoro ci siamo divisi in quattro gruppi che hanno approfondito rispettivamente le tre cantiche e i temi generali. Dopo aver raccolto in classe materiale per le ricerche, abbiamo unito queste ultime e presentato il lavoro al resto dei compagni. Nella seconda fase abbiamo attuato la flipped classroom, diventando noi docenti per un giorno. In questo modo noi studenti abbiamo approfondito un argomento e abbiamo studiato gli altri spiegati dai compagni. È stata soprattutto quest’ultima cosa a suscitare interesse. L’ultima fase, la drammatizzazione, è stata probabilmente la nostra preferita, ma anche la più difficile. Ci siamo divisi in gruppi di due persone per memorizzare e interpretare alcuni versi di un canto della Divina Commedia. Il lavoro è stato faticoso ma lo sforzo non inutile, anzi è risultato molto divertente. Anche i miei compagni la pensano così: 
“Per me è stata un’esperienza molto bella perché è stato un modo semplice e simpatico di imparare qualcosa che ci servirà anche in futuro” Claudia Semprebuono 
“Un lavoro diverso dal solito spesso può far divertire e soprattutto apprendere senza il peso di uno studio. È risultato un lavoro carino per l’interpretazione e divertente per lo studio insieme. Spero di rifarlo di nuovo” Francesca Di Nardo 
“Il momento fatto insieme è stato molto bello e lo vorrei rifare perché è molto istruttivo per la classe” Rosa Tambaro “Mi sono divertita e mi è piaciuto il fatto che dovevamo drammatizzare. Spero proprio che lo rifaremo” Ilaria Pirozzi 
“Quest’ esprienza è stata molto importante e divertente perché abbiamo studiato “Dante” in un modo alternativo addentrandoci nelle tre cantiche della Divina Commedia” Pasquale Napolano 
“Io penso che sia stata un’esperienza fantastica perché oltre ad imparare è un modo alternativo per conoscersi meglio” Diego Acunto “Per me è stato molto divertente e istruttivo” Giovanna Caiazzo 
“Il progetto Dante mi è piaciuto molto, soprattutto nella parte in cui abbiamo recitato”Daniel Costa 
“È stata un’esperienza per non farci pesare lo studio della Divina Commedia, un modo bello e divertente” Beatrice Di Russo 
“Questo progetto è stato un’esperienza unica e bellissima, da rifare assolutamente. È stato fantastico dover interpretare, studiare e spiegare insieme ai compagni di classe” Irene vitale 
“Quello che ci ha fatto fare la prof. è stato un lavoro divertente e interessante: abbiamo potuto conoscere ancor di più Dante e la sua bellissima opera : La Divina Commedia” Mario Taglialatela

venerdì 3 febbraio 2017

NON STOP ENGLISH!


Riparte il Clil alla Scuola Primaria!
......ricordiamo cos'è il Clil! L'acronimo  significa : "Apprendimento Integrato di Lingua e Contenuti" e si riferisce all'insegnamento di qualsiasi disciplina ( Scienze, Storia, Arte, Geografia,.....) in Lingua Straniera.  
Gli alunni delle classi Terze , Quarte e Quinte continueranno questa attività CLIL , iniziata  già lo scorso anno con "impegno " e tanta "curiosità " , partendo da questo mese di Febbraio; le lezioni mireranno ad approfondire contenuti di alcune discipline in lingua Inglese e Spagnola e saranno tenute dalle loro insegnanti Anna Pezzullo e Giovanna Pagano . Già dedite alla lettura di "Stories" in lingua Inglese le classi 4A/B e 5A/B stanno familiarizzando con un lessico più avanzato fondamentale alla comprensione .
Al fine di valorizzare sempre più le competenze linguistiche  da quest'anno le classi Prime hanno a disposizione 5 ore settimanali per affrontare lo studio dell'Inglese in una maniera ancor più sistematica , continua ....dedicando 1 ora al giorno.
 
                                                                                                                                                                                               La Direttrice   

martedì 31 gennaio 2017

BICENTENARIO CON GLI EX ALUNNI MARISTI



Domenica 29 gennaio, alle 7, siamo partiti (circa 100 persone)  con 2 bus dall'Istituto Fratelli Maristi di Giugliano in Campania, per recarci all'Istituto Marista “San Leone Magno” di Roma, per la celebrazione del bicentenario dell'Istituzione Marista,  fondata in Francia da San Marcellino Campagnat nel 1817. Nell'auditorium affollatissimo, alcuni ex-alunni (intervistati molto bene da Antonio De Napoli e Matteo Pasquali, del San Leone) hanno relazionato su significative ed emozionanti esperienze di vita Marista, in rappresentanza degli Istituti di Taormina, Roma, Viterbo, Genova, Cesano Maderno; per Giugliano in Campania sono intervenuti: Rossella Bottone  (che ha raccontato in maniera commovente e precisa l'importanza fondamentale della  formazione marista ricevuta e l'accoglienza Marista sperimentata anche all'estero)  e Gianluca Mauriello (che in qualità di coordinatore della commissione bicentenario ha ringraziato i presenti per la realizzazione dell’evento). Le interviste sono state intervallate da suggestive letture, tratte da "Il Figlio del Giacobino"di Fr. Claudio Alberti, svolte dall'attrice ex alunna Maria Letizia Gorga. Questo grande e fraterno raduno è stato onorato dalla partecipazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ex alunno del San Leone Magno che, al termine della celebrazione eucaristica, ha rivolto un accorato saluto ai  partecipanti all'incontro e alla Comunità Marista, operante in Italia e nei continenti. Il Presidente ha così concluso il Suo intervento:  "Desidero, infine, dirvi che per me è particolarmente bello e significativo essere oggi, qui, con voi tutti."!

(Giovanni Bottone  - ex alunno di Giugliano)

lunedì 30 gennaio 2017

CRESIME 2017



Dopo più di un anno di cammino sabato scorso alcuni ragazzi del quinto LICEO e del gruppo MARCHA hanno ricevuto il sacramento della Cresima. Ringraziamo il nostro Vescovo Mons. Angelo Spinillo per averci accompagnato e guidato in questo percorso. La comunità Marista gioisce ed è in festa....adesso ragazzi siete cristiani per scelta, sentitevi nuovi e coraggiosi! Auguri

Qui le foto

domenica 22 gennaio 2017



Carissimo-a amico-a EX ALUNNO/A MARISTA il 2017 è un anno speciale per il mondo MARISTA. Sai perché? Da ex allievo/a dovresti ricordarlo!!! Il 2 Gennaio 1817 Marcellino Champagnat ha fondato la sua prima comunità di fratelli e da lì ha preso inizio il suo SOGNO! Noi che in qualche modo siamo eredi di quella scelta vogliamo dare vita ad un anno di festa per celebrare il BICENTENARIO della Famiglia Marista! Per questo TU che sei stato studente tra i banchi di scuola dell’istituto Marista sei destinatario di questo invito SPECIALE.

Ti aspettiamo domenica 29 GENNAIO all’Istituto Marista di Roma per il grande raduno degli ex alunni Maristi e per celebrare e festeggiare il nostro grande BICENTENARIO! IL sogno vive e continua. Insieme sarà più bello!                                  

venerdì 13 gennaio 2017

Consegna diplomi Eipass


I ragazzi del 5° anno ottengono i diplomi informatici

Nuovo traguardo per i ragazzi del 5° liceo dell’Istituto dei Fratelli Maristi. E’stato consegnato da parte dei professori Nadale e Scogliamiglio il diploma informatico Eipass, conseguito dopo il superamento di 7 moduli incentrati su vari programmi e argomenti inerenti l'utilizzo dei computer. Prima della consegna ci sono state mostrate alcune statistiche che rivelano come il possesso di tale diploma sia utile per i crediti formativi universitari, per fini concorsuali e per inserirsi in realtà lavorative non solo di ambito informatico. Pertanto, il titolo è spendile in più modi e ci apre diversi scenari, come quello di seguire corsi più specifici inerenti l'utilizzo di alcuni programmi (quali per esempio autocad) oppure di divenire webmaster. Insomma, in un  mondo in cui la tecnologia fa sempre più passi in avanti, i fratelli Maristi offrono una attività formativa concreta, che possa dare ai giovani  le competenze necessarie richieste dal mondo del lavoro di oggi.

Dell'Aversano Giuseppe

mercoledì 11 gennaio 2017

TeleClub Awards 2016


A sorpresa ci siamo ritrovati in nomination insieme a tante altre belle realtà di Giugliano. Ringraziamo la direzione di TeleClub per aver selezionato il nostro Istituto come una realtà che da anni costruisce Cultura e Formazione in questo territorio. Accogliamo la sfida con spirito di gioco e invitiamo tutti a cliccare e votare sotto la foto del nostro istituto.
CLICCA QUI e VOTA

lunedì 2 gennaio 2017

200 anni di Storia



Oggi la congregazione Marista compie i suoi primi 200 anni di vita! Ringraziamo il Signore per questo dono immenso fatto al modo intero. Grazie ai tanti fratelli che nel corso di questi due secoli hanno donato la loro vita al servizio del Vangelo e della Chiesa, del carisma Marista e soprattutto dei giovani. Grazie Signore per i tanti laici che si sono innamorati dello stile di Marcellino e con tanta dedizione portano avanti in ogni parte del mondo il sogno MARISTA! Chiamati ad educare e amare i giovani!
Adesso è un NUOVO INIZIO...Felice Bicentenario a tutti quelli che un pò si sentono Maristi! Vivi il sogno! Champagnat VIVE!